02/02/2023

Notizie di film

Recensione: Un milione di piccoli pezzi

  un milione di piccoli pezzi banner COMPLOTTO: Un giovane tossicodipendente ( Aaron Taylor-Johnson ) si sveglia su un aereo in rotta verso una clinica di riabilitazione per un'ultima pugnalata alla sobrietà, con i medici che lo avvertono che qualsiasi ulteriore uso di droghe o alcol lo porterà alla morte.

REVISIONE: Un adattamento per il grande schermo di James Frey 'Memoir' con lo stesso nome era sempre destinato a essere controverso. Se sei un lettore più giovane e ti sei perso lo scandalo quando è successo, il libro di memorie di Frey è stato considerato altamente dubbioso al momento della sua uscita, e in effetti si è rivelato per lo più romanzato. Tutto è venuto al culmine in un'apparizione su 'Oprah' in cui l'autore e il suo editore sono stati sviscerati in onda. Un decennio dopo, il libro di memorie di Frey arriva sul grande schermo in un fedele adattamento che si attiene a molte delle affermazioni più dubbie dell'autore, creando un film che sarebbe controverso se non ottenesse un rilascio così basso.

Dichiarazioni complete, ho letto sia 'A Million Little Pieces' che il suo sequel 'My Friend Leonard' dopo che tutto si è rivelato falso e amavo ancora entrambi i libri, quindi sono andato relativamente libero da pregiudizi. Tuttavia, mi dispiace dire che, nonostante sia un adattamento fedele, qualcosa è andato perso nel suo passaggio al grande schermo, nonostante la direzione elegante di Sam Taylor Johnson .

Penso che il problema qui alla fine si riduca a Aaron Taylor-Johnson in testa. Sebbene sia un buon attore, semplicemente non è convincente a livello fisico nei panni di Frey, che ci è stato detto più e più volte è vicino alla morte, anche se si spoglia costantemente nudo per mostrare la sua confezione da otto cesellata (e un'altra risorsa piuttosto ben dotata ). Gli alcolisti/tossicodipendenti sull'orlo della morte non sembrano così, ed è una falsa concessione alla vanità o al commercialismo che condanna il film a impallidire non solo rispetto ai classici del genere come CLEAN & SOBER ma anche ai film più recenti come BEAUTIFUL BOY e BEN È TORNATO. Questo ha avuto la sfortuna di essere presentato in anteprima insieme a quelli del TIFF 2018.

Frey è davvero un personaggio un po' ripugnante ed egocentrico, ma lo sono anche la maggior parte degli alcolisti, quindi questa parte è trasmessa bene, ma a Johnson, sebbene impegnato, manca qualcosa nel ruolo che è difficile da definire. È un protagonista troppo classico per farcela (e, a dire il vero, può essere brillante nel ruolo giusto). Il cast di supporto è più forte, con Billy Bob Thornton idealmente scelto per interpretare il personaggio più memorabile del libro, Leonard, un giocatore d'azzardo mafioso che guarda Frey come un figlio surrogato. Nel libro, tutti continuano a dire che somiglia Gene Hackman , e Thornton cattura il suo carisma duro e duro, tanto che non puoi fare a meno di desiderare che fosse di più nel film. Lo stesso vale per Charlie Hunnam , che ruba silenziosamente le scene nei panni del fratello del bravo ragazzo di Frey. Raramente è stato così discreto, e sostiene che il film era l'unico ragazzo che non sta lottando con problemi legati alla dipendenza e le sue scene con Taylor-Johnson sono le migliori del film. Odessa Young ha anche la giusta intensità ferita come Lily, però Giovanni Ribisi sembra sopra le righe come paziente sessualmente predatore, solo per ottenere un'inversione dell'ultimo minuto che sembra immeritata.

  un milione di piccoli pezzi aaron taylor johnson Tuttavia, non si può fare a meno di pensare che il film sia a volte un po' troppo fedele, con il momento più controverso dei libri, in cui Frey deve sottoporsi a un intervento chirurgico ai denti senza anestetico che si fa strada nel film – un episodio difficile da digerire . Eppure, era una scena memorabile nel libro, quindi immagino che dovesse essere nel film, ma non è facile da credere. Il film se la cava meglio quando fa le sue cose, con una confessione dell'ultimo minuto fatta a Leonard piuttosto che un prete a caso è un cambiamento intelligente, mentre la colonna sonora di Atticus Ross, Leopold Ross e Claudia Sarne è effettivamente di basso profilo. Sam Taylor Johnson mostra anche un vero talento dietro la macchina da presa, con l'inquadratura caratteristica del film che è l'ultima, in cui alcuni personaggi vengono ripresi attraverso l'obiettivo di un bicchiere pieno di whisky. È uno scatto bello e uno che sembra autentico piuttosto che ingannevole.

Ciò che è stato rinfrescante nel libro è stato il modo in cui ha cercato di raccontare una brutale storia di riabilitazione, ma negli anni successivi è diventato un mini-genere a sé stante, privando la storia di gran parte del suo potere nonostante il chiaro talento che c'è sia dietro che davanti della fotocamera. Se sei un fan del libro vale la pena vederlo, ma il libro di memorie è, sfortunatamente, un prodotto del suo tempo che è difficile da adattare e quindi è un po' corto, soprattutto con una pista che non sembra facile adattarsi alla parte.

Lovechika-News

Aggiornamenti quotidiani su film e notizie TV, tutte le ultime recensioni di film, trailer di film, date di uscita, poster e altro ancora

Immagine

Recensione: L'era di Adaline

© Lovechika-news.com.