02/02/2023

tv

Recensione TV: Hap e Leonard

COMPLOTTO: Hap ( James Purefoy ) e Leonardo ( Michael K. Williams ) sono due migliori amici che prendono a calci in culo che vivono nel Texas orientale tra la metà e la fine degli anni '80. Lasciati andare dall'ultimo di una serie di lavori umili, i due vengono facilmente reclutati dall'ex moglie di Hap, Trudy ( Cristina Hendricks ), alla ricerca di qualche soldo mancante, solo per trovare il lavoro che va storto fin dall'inizio.

REVISIONE: Presumo che ormai la maggior parte dei nostri lettori l'abbia visto Jim Mickle adattamento di COLD IN JULY di Joe R. Lansdale. Un ibrido d'azione hardcore e noir del sud, Mickle ha dimostrato di essere la persona ideale per portare il mondo di Lansdale sul grande schermo. Ora è tornato con le due creazioni più durature dell'autore, Hap Collins e Leonard Pine.

Protagonisti di una serie in corso di romanzi, gli uomini sono uno studio di contrasti uniti dalla loro eterna lealtà reciproca: una specie di Riggs e Murtagh del sud. Hap è un ex attivista bianco contro la guerra con un occhio di riguardo per le donne, mentre Leonard è un veterano nero del Vietnam che, guarda caso, è gay. Migliori amici per tutta la vita, lavorano giorno dopo giorno in lavori a bassa retribuzione che non hanno molto futuro, cosa che preoccupa i due quando si avvicinano alla mezza età.

Mentre l'elegante, thesp inglese James Purefoy potrebbe non sembrare una scelta probabile per interpretare un bravo ragazzo come Hap (che probabilmente è più di un Walton Goggins -tipo), Purefoy sembra avere il tempo della sua vita nel ruolo. Dà allo sfortunato innamorato Hap un vero tocco romantico, rendendo la sua devozione alla sua doppia ex moglie ancora più credibile (non che ci vorrebbe molto convincente per pensare che Hendricks possa entrare sotto la pelle di un uomo), mentre trasmette anche un atmosfera del sud credibile e rilassata. È stranamente perfetto nonostante sia stato scelto così fortemente contro il tipo.

Come Leonardo, Michael K. Williams è assolutamente perfetto. Dopo anni passati a interpretare personaggi importanti come Omar Little e Chalky White, è bello vedere Williams scivolare nella pelle di un personaggio più eroico. Sebbene i due uomini tendano a lavorare un po' al di fuori della legge, entrambi sono ragazzi ben intenzionati, persino nobili. Essendo ambientato negli anni ottanta un po' meno liberali, Mickle e il co-sceneggiatore Nick Damici ottenere un sacco di vantaggi dal fatto che Leonard sia sia nero che gay, con le persone che si comportano in modo spaventosamente razzista nei suoi confronti o cercano di compensare eccessivamente (la prima cosa che un ragazzo bianco dice dopo aver incontrato Leonard è che amava Martin Luther King). L'omofobia dilagante dell'epoca significa che Leonard ha anche peggio, ma Williams lo interpreta come un idiota che nessuno oserebbe fare alcun tipo di commento, con lui che scatena arti marziali fulminee su alcuni spacciatori omofobi che fanno il errore di entrargli in faccia. L'unico da cui tollera qualsiasi tipo di disprezzo è lo zio omofobo, anche se Hap, sempre con le spalle dell'amico, minaccia di picchiare il vecchio se non si calma.

Uno spettacolo come questo vive o muore per l'alchimia dei due protagonisti e Purefoy e Williams sono idealmente abbinati. Guardandoli insieme, il loro affetto e la loro amicizia discreta non sono mai niente di meno che convincenti. Mentre la serie in sei parti inizia in modo tranquillo, una volta che i corpi inizieranno ad accumularsi, sarà divertente guardare questi ragazzi prendere a calci insieme. Una prima scena che li mostra mentre si allenano e si allenano al bersaglio suggerisce che i due sono più che capaci di affrontare qualsiasi problema si presentino. Per quanto riguarda gli antagonisti, sembra che il grande cattivo di Hap e Leonard lo sarà Jimmy Simpson 's Soldier, che – insieme al suo amante psicotico Angel (Pollyanna McIntosh di FILTH) incontriamo solo nella violenta conclusione del primo episodio.

Una delle cose migliori di Hap e Leonard come serie è che Mickle è a bordo per dirigere tutti e sei gli episodi della prima stagione, dando a questo una continuità che dovrebbe farlo sembrare più un lungo film che uno show televisivo. Lo spettacolo è certamente di livello da lungometraggio, con un'ottima recitazione da parte dei protagonisti, e il direttore della fotografia di COLD IN JULY di Mickle, Ryan Samul, e il compositore, Jeff Grace, entrambi a bordo per l'intera stagione. In questo modo, Hap e Leonard sembrano davvero una specie di sequel di quel film e se continua, forse Mickle sarà in grado di invogliare Jim-Bob di COLD IN JULY, Don Johnson , per ricreare la sua parte mentre il personaggio appare in alcuni dei romanzi.

Molte persone si lamentano dell'assenza di azione grintosa e su scala ridotta nei cinema. Per quelle persone, Hap e Leonard è un sogno diventato realtà. L'inizio è davvero promettente e se il resto della stagione sarà buono come il primo episodio, potremmo assistere alla nascita di due nuove icone per il piccolo schermo. Non vedo l'ora che arrivi l'episodio due.

Lovechika-News

Aggiornamenti quotidiani su film e notizie TV, tutte le ultime recensioni di film, trailer di film, date di uscita, poster e altro ancora

Immagine

Don't Worry Darling Thursday Preview, le proiezioni dell'Anteprima fanno guadagnare 3,1 milioni di dollari al botteghino

© Lovechika-news.com.